Italobimbi va al museo!!

Italobimbi va al museo!!

Print

Domenica 13 febbraio, Italobimbi è andato al museo e come il pifferaio magico si è portato appresso tutta una fila di bambini festanti e contenti. Siamo andati a vedere una mostra sui dipinti di scuola olandese raffiguranti la marina e le nostre guide sono state Alessandra Volpe e nientepopodimeno che il pirata Barbanera!! Le nostre 2 guide d’eccezione ci hanno organizzato un’emozionante caccia al tesoro.

Dopo aver ascoltato la storia del terribile pirata Barbanera - per intenderci, proprio quello che beveva rum mischiato a polvere da sparo -  tutti i bimbi e anche Italo si sono fabbricati un cappellino da pirata.

 

 


 

 

Poi tutti insieme, mappa del tesoro alla mano, siamo andati a osservare attentamente le navi dipinte sui quadri, per scoprire gli indizi. Siamo stati molto bravi perché li abbiamo indovinati tutti, anche se, a dir la verità, Alessandra e Barbanera ci hanno aiutati un po’.


 

Abbiamo attraversato sale e sale piene di quadri raffiguranti navi semidistrutte, mari in tempesta, botti galleggianti sull’acqua e uomini su scialuppe. Siamo stati tutti bravissimi perché non abbiamo toccato niente (anche se ci sarebbe piaciuto).  Infine siamo arrivati in una stanza fatta apposta per noi bambini: e là sì che potevamo toccare proprio tutto! In un baule c’erano persino cappelli pirateschi di tutte le fogge e il custode ci ha invitato a provarli e a giocare ai pirati. In un angolo, c’era persino una vera amaca e un timone, e poi visto che le navi trasportavano principalmente spezie (pare che ne andassero tutti matti nei secoli scorsi!) c’era un gioco olfattivo per indovinare gli odori delle spezie. Tutti abbiamo riconosciuto la cannella e il caffè, però con lo zenzero e la noce moscata abbiamo avuto qualche difficoltà.

Alla fine Barbanera ci ha fatto i complimenti e ci ha dichiarato che avevamo trovato il tesoro: un baule pieno di monete d’oro da cui abbiamo attinto a piene mani. C’è da dire che nonostante la sua terribile fama Barbanera con noi è stato proprio gentile!!

Ma chi l’ha detto che al museo ci si annoia?