se condividi i nostri obiettivi, sostienici !!!!!

Bilinguismo minaccioso……

Paesaggio, acrilico, 5 anni

Stati Uniti e Lussemburgo a confronto

Eh si’,... ce ne sono anche che vedono il bilinguismo come una minaccia alla propria identità. Ovviamente ogni situazione è diversa, negli USA ad esempio l’immigrazione massiccia e costante introduce parlanti adulti di varie nazionalità che, in base ai numerosi studi, riescono solo parzialmente ad imparare l’inglese. I loro figli, invece, crescendo negli Stati Uniti, apprendono la lingua da piccoli o da giovani e riescono a raggiungere un grado di integrazione linguistica molto elevato. E’ quanto ci riferisce in un articolo la  Linguistic Society of America, che si domanda con inquietudine se tante lingue e soprattutto i casi di bilinguismo generalmente con lo spagnolo, lingua sempre più incalzante negli States, non rappresentino una minaccia per l’inglese. Fortunatamente no, conclude l’autrice dell’articolo, l’inglese è ancora molto forte negli Stati Uniti e nel mondo intero e se in America troviamo vecchie generazioni di immigrati che parlano poco l’inglese, i loro figli lo padroneggiano come madrelingua.

Qui aprirei una parentesi sugli immigrati di vecchia generazione. Giunti nel Paese di accoglienza, in molti casi, già adulti, hanno dapprima fatto uno sforzo per inserirsi e imparare la lingua. Sono venuta con mia sorpresa a conoscenza di casi in cui, nonostante si fosse raggiunto un grado accettabile di conoscenza linguistica in età adulta, raggiungendo la maturità gli immigrati di vecchia generazione hanno progressivamente perso la motivazione e, adagiatisi, hanno anche gradualmente perso la capacità di esprimersi nella lingua appresa, rifugiandosi sempre più all’interno del proprio nucleo ristretto di conoscenze appartenenti alla comunità di origine, dimenticando così anche la lingua. Questo è un rischio a cui personalmente non avevo mai pensato, ma evidentemente esiste e ci invita tutti a restare vigili e a non perdere il contatto con la realtà del Paese in cui viviamo, soprattutto per non ampliare il gap culturale tra noi e i nostri figli.

Ma volgiamo ora lo sguardo verso la situazione in Lussemburgo. Secondo le recenti statistiche, più di un quarto dei bambini di 4/5 anni che frequentano la scuola pubblica sono bilingui, ma un terzo di questi non parla nessuna delle tre lingue ufficiali del Paese! (cfr. L’essentiel del 4 marzo 2011)

L’immigrazione massiccia proviene dal Portogallo e in questo caso in famiglia non si parla il lussemburghese (né il francese né, tantomeno, il tedesco), di qui la difficoltà dei bambini di apprendere altre lingue, in particolare lingue germaniche.

La cosa si complica se ad arrivare in Lussemburgo sono ragazzini adolescenti, ne arrivano circa 500 ogni anno e, generalmente, non parlano nessuna delle lingue del Paese. Sono inseriti nelle classi di accoglienza dove si trovano a contatto con altri stranieri, nel caso dei numerosi lusitanofoni  risulta ancora più arduo non parlare portoghese tra loro, e, in ogni caso, hanno solo 3 ore a settimana di lussemburghese.

Non è mia intenzione muovere critiche al sistema scolastico ed entrare nel vivo del dibattito sull’opportunità o meno di apprendere il lussemburghese. Posso solo dire, anche se non è politicamente corretto, che personalmente non credo che avrei fatto crescere i miei figli qui (e forse non ci sarei restata neanche io) se la società in Lussemburgo non fosse così variegata. Tuttavia, sono comprensibili le preoccupazioni della minaccia rappresentata dagli stranieri alla lingua e alla cultura lussemburghese.

Il bilinguismo, in conclusione può certamente rappresentare un elemento di disturbo alla quiete di un’identità culturale consolidata e statica, ma si fa anche portatore di valori e di culture che possono arricchire tutti. Tutto sta capire da quale punto di vista si osserva…..

Aggiungi commento

Sono benvenuti commenti in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, olandese, svedese!
Comments in English, French, German, Spanish, Portugues,Dutch and Swedish are welcome!


Codice di sicurezza
Aggiorna

   
| Mercoledì, 12. Agosto 2020 || Joomla || Web Agency: Dazo.it Template: LernVid.com |